Logo unlp
 
RSS Novedades

Red de Museos

La Red de Museos de la UNLP celebró su 15° aniversario

Red de Museos

El Museo Azzarini cuenta con un nuevo sitio web

Red de Museos

Museo de Anatomía Humana de la Facultad de Medicina

Red de Museos

La Red de Museos presentó su catálogo

 
 
|
Sanshin

Version Castellano
English Version

 

Liuto a cassa, a spiedo (321.312-5-6). Discende del sanxian cinese, introdotto nel 1390 nell'arcipelago giapponese di Okinawa, centro dell'antico regno di Ryukyu. Come il suo predecessore, possiede un manico lungo e sottile, senza tasti. Questo si prolunga in un puntale o spiedo che attraversa la cassa di risonanza rettangolare. La medesima si costruisce con tavola armonica e fondo di pelle di serpente, in generale pitone, affinché coprano le fasce di legno. La denominazione di questo liuto dovuta al numero di ordini di corde (giapponese san = tre, shin = corda), pizzicate comunemente da un plettro di corno, che si accomoda all'indice destro. Durante il XVI secolo il sanshin si diffuse nel resto del Giappone e diede origine al shamisen. Attualmente è lo strumento più importante della musica classica e folklórica degli arcipelaghi Okinawa e Amani. Lo si usa come strumento solista o in complessi, accompagnando il canto e la danza. In Okinawa ha ceduto il suo nome al genere vocale e cortigiano utasanshin. Lung. 76,5 x larg. 15,5 x h. del sanshin 7 cm. Lung. plettro 1,8 cm. Donazione, Shigeturu Kamiya (suo costruttore), 1976. IM 621.

21/05/2012 10:36
 
 
 
bannerinfouniversidades